.
Annunci online

 
larabafenice 
just like a rolling stone
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  My playlist
Ariafritta
Associazione Risorsa - prevenzione mobbing
Sbilanciamoci
Prevenzione Mobbing
Davide
La donna che visse...più volte
Sara
Sogni & viaggi
Generazione P
ImPrecario
Animali bellissimi da adottare
Beppe Scienza
Nuvole
Studium
Monica
Talking about Italy
La Soda
Minimi Media
Tirolibero
Troppa Grazia
Precarity Blog
Piazza Alimonda
Guerrino
Ephemera
Pensatoio
Maria - Amelie
Cosa respiriamo a Torino

MEDIA
Report Rai 3 TFR
Report Rai 3 esternalizzazioni Wind
Sex Crimes and Vatican
Che tempo che fa: intervista a Gianni Minà
  cerca




Il compito degli uomini di cultura
è più che mai oggi quello di seminare dei dubbi,
non già di raccogliere certezze


Norberto Bobbio



<



Locations of visitors to this page


 

Diario | Citazioni | Mala tempora | Libri&Film | Goodbye Lenin | Nella terra di Gianduja |
 
Diario
1visite.

17 agosto 2008

Un bel lavoro: a Torino dal 4 al 6 settembre


Purtroppo io mi perderò questa iniziativa poichè sarò all'Isola d'Elba a dichiararare la dittatura del proletariato con Guerrino ma voglio segnalare un'iniziativa che mi sembra interessante. Per ulteriori informazioni leggete qui.

VI Forum "L'impresa di un'economia Diversa"

Sbilanciamoci! organizza a Mirafiori il suo Forum annuale, quest'anno dedicato al lavoro
Si terrà dal 4 al 6 settembre prossimi, a Torino, quartiere Mirafiori Nord, il forum annuale della campagna Sbilanciamoci! L’impresa di un’economia diversa giunto ormai alla sua sesta edizione.
Un bel lavoro è il titolo del forum di quest'anno. Dopo il drammatico aumento della precarietà e degli incidenti sul lavoro, Sbilanciamoci dedica il forum di quest'anno ai temi del lavoro e della sostenibilità di un modello di sviluppo fondato sull'automobile e la grande fabbrica che ha avuto nella città di Torino la sua massima espressione.
Mirafiori come simbolo di un modello industriale che ha caratterizzato un certo sviluppo economico del dopoguerra; Torino come la città delle grandi fabbriche per antonomasia e dei recenti incidenti sul lavoro, città si presta a una riflessione sul sistema delle imprese, modello di sviluppo e mondo del lavoro, temi che da anni sono al centro dell'impegno della campagna Sbilanciamoci.
Il forum di quest'anno -che si tiene alla Cascina Rocca Franca - prevede la presenza di oltre 50 relatori italiani e stranieri che interverranno in sei sessioni plenarie eotto gruppi di lavoro tematici. Una sessione di quest'anno - dedicata al tema delle “nuove solidarietà” - viene organizzata in collaborazione con FIOM e FIM e prevede la partecipazione di delegati sindacali dal Brasile, dalla Serbia, dalla Turchia, dalla Polonia: laddove i temi della delocalizzazione della produzione e delle politiche delle multinazionali, e i diritti dei lavoratori si intrecciano con quello delle popolazioni e dei territori oggetto delle nuove politiche di sviluppo industriale e delle politiche neoliberiste.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lavoro iniziative Torino

permalink | inviato da larabafenice il 17/8/2008 alle 11:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

1 marzo 2008

Seconda rassegna del cinema laico a Torino

I tempi sono maturi per inaugurare una nuova rubrica dedicata a questa città laboratorio che ha finalmente trovato una  vocazione turistica lasciandosi alle spalle una storia di fabbriche, operai, Fiat Duna, maggioranze silenzione e minoranze rivoltose.

Cominciamo con la seconda rassegna del cinema laico che avrà fisicamente luogo sotto la Mole, al cinema Massimo, dal 7 marzo al 19 giugno.

2° RASSEGNA DEL CINEMA LAICO

CINEMA MASSIMO 3 – VIA VERDI 18 – TORINO
Organizzata dalla CONSULTA TORINESE PER LA LAICITA' DELLE ISTITUZIONI, in collaborazione con il MUSEO NAZIONALE DEL CINEMA e con il CENTRO INTERCULTURALE DELLA CITTA’ DI TORINO, la Rassegna intende proporre al pubblico torinese - attraverso il linguaggio estetico e gli stimoli culturali dell’arte cinematografica -  una riflessione sul metodo della laicità e sull'etica laica di fronte agli interrogativi ed alle sfide individuali e collettive che il mondo contemporaneo pone.

I nove film in programmazione, nel periodo da marzo a giugno 2008,  affrontano alcuni significativi temi della società odierna, sempre più multiculturale, multietnica e multireligiosa. Ne emergono nel complesso, attraverso situazioni esistenziali e vicende differenti, taluni degli aspetti di un’etica laica, per definizione non dogmatica, né assolutista, di libertà e di tolleranza positiva, di rispetto e di confronto fra eguali e diversi, nella prospettiva – che gli organizzatori della Rassegna vivamente auspicano – di una più civile convivenza tra individui e tra gruppi nella comunità umana.

PROGRAMMAZIONE

Venerdì  7 MARZO 2008, ORE 20,30     
INAUGURAZIONE
“4 mesi, 3 settimane e 2 giorni” (2007) di Cristian Mongiu
(film premiato al Festival di Cannes 2007, sul tema sempre attuale e controverso dell’aborto)

Saranno presenti:  Gabriele Barrera – Critico cinematografico, curatore della rassegna,  Tullio Monti – Coordinatore della Consulta Torinese per la Laicità delle Istituzioni.

 
Giovedì 27 Marzo 2008 ore 18,00        
“Requiem” (2006) di Hans Christian Schmid
(la vicenda di una presunta indemoniata con, sullo sfondo, il tema del conflitto fra scienza e religione)
 

Martedì 15 Aprile 2008 ore 18,00         
“Angeli ribelli” (2003) di Aisling  Walsch
(nell’Irlanda della fine degli anni ’30, un insegnante laico e  democratico si trova a svolgere la sua professione in un rigidissimo riformatorio cattolico)
 

Mercoledì 23 Aprile 2008 ore 20,30     
“Il gioco dei rubini” (1998) di  Boaz Yoakim
(il difficile cammino di una donna ebrea verso l’emancipazione, in contrasto con il bigottismo della comunità ebraica ortodossa di appartenenza)
 

Martedì 6 Maggio 2008 ore 18,00        
“Brian di Nazareth” (1979) di  Monty Python
(vita e disgrazie di Brian, giovane giudeo conterraneo e   coetaneo di Gesù; film dissacratore di tutte le fedi religiose)

 
Giovedì 22 Maggio 2008 ore 20,30     
“La via lattea” (1969) di Luis Bunuel   
(sulla trama del pellegrinaggio di un ateo e di un credente verso Santiago de Compostela, un viaggio attraverso le eresie nella dialettica fra fede e ideologia, potere e libertà)

 
Martedì 3 Giugno 2008 ore 18,00         
“Le fiamme del paradiso” (2006) di Luciano Emmer (una vicenda di stregoneria ambientata nel 1600)
“Goya” (cortometraggio 1951- Luciano Emmer)

 
Giovedì 12 Giugno 2008 ore 18,00       
“I diavoli” (1971) di  Ken Russell 
(censuratissimo film incentrato su un processo per stregoneria nella Francia del Cardinale Richelieu del 1600)

“Amelia and the Angel”  (cortometraggio 1958 –Ken Russell)

 
Giovedì 19 Giugno 2008, ORE 20,30    
CHIUSURA
“JEAN PAUL”  (2007) di  Francesco Uboldi
(controverso film-documentario, presentato al Festival di Berlino, una videoripresa “amatoriale” dal vero di un presunto indemoniato, che di li a poco morirà, nell’Africa nera contemporanea).

DISCUSSIONE CON IL PUBBLICO


Saranno presenti: Francesco Uboldi, regista del film, Gabriele Barrera, critico cinematografico e curatore della rassegna, Tullio Monti, Coordinatore della Consulta Torinese per la Laicità delle Istituzioni.

 
Il costo dell’ingresso è di € 2,50 per le visioni pomeridiane e di € 3,50 per quelle serali.


Per informazioni: 320-3460326; e-mail: info@torinolaica.it; sito: www.torinolaica.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Torino cinema laicità

permalink | inviato da larabafenice il 1/3/2008 alle 12:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

23 febbraio 2008

Rossa



Della mostra inaugurata due gioni fa al Palafuksas intitolata "Rossa" e curata dalla Cgil mi ha colpita immediatamente una delle prime installazioni, una scritta su una delle tante pareti scarne che a grandi caratteri recita "Chiediamo lavoro e pane per la famiglia".  Mi è venuto spontaneo completarla nella mia mente con "quando giustamente abbiamo chiesto anche le rose non ci siamo accorti che ci portavano via il pane" e alla fine questo è divenuto il pensiero che mi ha accompagnata per tutta la visita.

Rossa ha il pregio di raccontare il lavoro salariato e non è cosa da poco di questi tempi di scarsa coscienza di classe e "coscienza di classe" è un'espressione che ho deciso di utilizzare sempre più spesso proprio perchè la sento pronunciare sempre con una vena di imbarazzo, a volte anche da chi ha ben chiaro chi tra un imprenditore e un operaio sia di troppo.

L'ambientazione è decisamente "minimal" e l'assenza di riscaldamento dopo un po' si fa sentire ma le didascalie sono chiare e precise, foto, filmati, loghi e prime pagine di giornali raccontano quasi 150 anni di lavoro.

Naturalmente lo spazio maggiore è dedicato agli anni '70 ma ho colto in quest'enfasi anche uno dei limiti della mostra.

E' vero - e ce lo diciamo sempre - che gli anni '70 sono stati il culmine delle conquiste sindacali ma mi sembra che sia venuto il tempo di abbandonare questa visione nostalgica e guardare avanti, proprio quello che il sindacato non è stato in grado di fare, nè sul campo, nè in questa rappresentazione tanto che degli ultimi 10 anni della "nostra storia" non rimangono che una scrivania con un pc, alcune immagini del marzo 2003 quando la Cgil - da sola - portò a Roma più di un milione di persone per manifestare per il mantenimento dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori e , ciliegina sulla torta, uno schermo che trasmette senza sosta un discorso in sindacal-politichese di Epifani.
Ecco, se è questo a dover rappresentare oggi il lavoro preferisco tirare innnanzi e godermi questa tiepida giornata di fine febbraio.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lavoro rossa cgil torino

permalink | inviato da larabafenice il 23/2/2008 alle 20:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa

15 dicembre 2007

Shit eaters



Stavo rispondendo all'ultimo commento di Pensatoio e ne è venuto  fuori un breve post.

In questi ultimi anni molti torinesi (un po' anch'io) si sono fatti ammaliare dalla "nuova vocazione turistica" di questa città. Sono state fatte cose esteticamente molto belle, una metropolitana ultramoderna con installazioni artistiche di Ugo Nespolo ad ogni fermata, a volte ti pare di entrare in una cattedrale, recupero di vecchi palazzi regi, mostre e locali, quasi a voler in qualche modo cancellare e nascondere sotto il tappeto il grigiore molto meno trendy delle fabbriche.

Negli stessi luoghi un tempo occupati dalle fabbriche sono stati aperti locali alla moda e centri commerciali come dire: "le fabbriche non erano poi cosi' male" e soprattutto si è diffusa la convinzione che la "vocazione turistica" si conquisti soltanto togliendosi di dosso quest'immagine pesante, sporca  e decisamente poco accattivante di città industriale, quasi a doversene vergnognare.

Le fabbriche pero' ci sono ancora, certo molto ridimensionate rispetto a 30 anni fa ma ci sono. Temo che siamo stati vittime di una fregatura e forse quel letame un po' ce lo siamo voluto anche noi che lavoriamo per vivere e non andiamo ai funerali con la scorta. 

Ci chiediamo se prima o poi anche i ricchi mangeranno il letame,
"Pagherete caro, pagherete tutto" urlava disperato il padre del povero Bruno Santino. 

Onestamente non riesco a far previsioni ma la statistica ci è sfavorevole, anche per questo batto sempre sul tasto della certezza dell'applicazione delle pene e mi sono incazzata tanto quando questo governo varò l'indulto che, ricordiamo, salvò dalla galera tanti altri responsabili di carneficine sui luoghi di lavoro, capito compagni?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. torino operai thyssen krupp

permalink | inviato da larabafenice il 15/12/2007 alle 10:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

25 agosto 2007

Fine settimana urbano

Buon fine settimana, io lo trascorrerò a cimentandomi con le conserve...ero proprio da sposare ;-)




Foto del mio papà

28 luglio 2007

Il cielo su Torino



Foto del mio papà


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Torino

permalink | inviato da larabafenice il 28/7/2007 alle 14:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre